Consiglio regionale Imprese

Lega, variazione di bilancio regionale per misure straordinarie

Obiettivo sostenere le imprese e rilanciare il circuito storico, culturale e artistico quale volano economico, rafforzando l’identità del brand Marche

“Dalla Regione misure straordinarie di sostegno al sistema economico, per aiutare le imprese marchigiane a superare una fase estremamente complessa, segnata da rincari e scossoni agli equilibri internazionali che creano incertezza e frenano la ripresa”. Così il gruppo assembleare della Lega Marche, dopo l’approvazione in Consiglio regionale della variazione al bilancio di previsione 2022-2024.

“Continuiamo a dare risposte concrete al settore produttivo proseguendo nella strategia di rafforzamento dell’identità del brand Marche – dichiarano il capogruppo della Lega Marinelli e i colleghi Bilò, Antonini, Biondi, Cancellieri, Marinangeli, Menghi, Serfilippi – Portiamo, inoltre nuova linfa a cultura e tutela delle tradizioni su cui tanto ci stiamo impegnando come Lega, con i nostri assessori Giorgia Latini e Mirco Carloni, consapevoli che solo facendo rete le Marche possono rinascere dopo anni di governo di centrosinistra e dopo una crisi economica congiunturale senza precedenti”.

A disposizione per il 2022 c’è un plafond complessivo di oltre 7,5 milioni di euro, di cui 3milioni per la liquidità delle imprese, fondi per contributi una tantum al settore pesca (500mila euro) e ai consorzi (400mila euro), fondi per rafforzare iniziative di valenza sociale del garante regionale dei diritti.

Significativo l’incremento di 80.000 euro per il potenziamento della convenzione Aib con i vigili del fuoco per la lotta agli incendi boschivi che raccoglie la richiesta che la Lega ha da tempo avanzato attraverso una mozione volta a potenziare l’azione di prevenzione.

“Gli interventi sono stati al centro di un lavoro intenso e sinergico svolto in I Commissione consiliare permanente – aggiunge Marinelli, presidente della commissione di cui è membro anche la consigliera Biondi – Era importante essere al fianco delle nostre aziende sostenendole nell’innovazione e nell’internazionalizzazione, cardini dello sviluppo economico in un contesto globalizzato. Per quanto riguarda il mondo della cultura, potenziamo le risorse a disposizione, con contributi ancora più consistenti per manifestazioni, anche sportive, ed eventi culturali, volano per il turismo e per l’economia del territorio. Dopo gli interventi legislativi per valorizzare il saltarello marchigiano, le infiorate artistiche, la fisarmonica e il rilancio dei borghi, arte, storia e produzioni si pongono stabilmente come asset regionale fondamentale per trainare la ripresa economica

0 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*