Marche

Marinelli: “Tutela dei consumatori: nella nuova legge servizi di assistenza dedicati e promozione delle informazioni”

Il capogruppo e i consiglieri regionali della Lega soddisfatti per l’approvazione della Legge proposta dal vicepresidente Carloni.

“Finalmente dopo 11 anni in cui nessuno aveva messo mano al settore la Regione, con il vicepresidente Mirco Carloni della Lega, ha aggiornato le norme sulla tutela dei consumatori. Grazie alla nuova legge regionale si introducono lo sviluppo dei servizi di assistenza ai cittadini e la promozione dell’educazione e dell’informazione ad un consumo consapevole”. 

IL capogruppo della Lega Renzo Marinelli e i consiglieri Bilò, Antonini, Biondi, Cancellieri, Marinangeli, Menghi e Serfilippi esprimono soddisfazione per l’approvazione in consiglio regionale della nuova legge che valorizza le associazioni di tutela dei consumatori riconoscendo loro un ruolo primario vista la potenzialità di intervento sul territorio con sportelli dedicati. 

“Era importante, ancor più in questo periodo storico, non solo tutelare i consumatori da rischi di mercato e truffe, ma anche colmare il divario digitale –  spiegano il capogruppo ed i consiglieri della Lega, rispettivamente presidente e membro della prima commissione consiliare – La legge Una circostanza determinante per garantire tutela a zone montane e categorie fragili. Sono previsti anche contributi finalizzati al sostegno di progetti di informazione e sensibilizzazione di consumatori ed utenti nonché all’aggiornamento professionale dei soggetti che si occupano di tutela e promozione dei diritti di consumatori e utenti”.

Il presidente Marinelli e i consiglieri considerano strategica l’istituzione dell’Osservatorio regionale dei prezzi e delle attività produttive con il compito di esaminare l’andamento generale dei prezzi dei prodotti, delle tariffe e dei servizi.

“La legge dota le Marche di un quadro normativo moderno, efficace e realmente di supporto ai nostri marchigiani – concludono gli esponenti della Lega in regione – Fondamentale l’attività di supporto alle persone con divario digitale che rischiano di restare esclusi da diritti e servizi fondamentali tra cui trasporto e sanità”.   

0 Condivisioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*