News

Franco Ceregioli (vicesindaco Sarnano): nomina Legnini insulto PD e M5S ai terremotati

“Da lui solo parole di circostanza in attesa che i professionisti con l’autocertificazione tolgano dall’impaccio Governo e Regioni”.

Ci risiamo, ma adesso basta con le prese in giro. Il nuovo commissario Legnini insulta i terremotati quando dice di voler snellire la burocrazia: proviene dal PD che non solo l’ha creata, ma reiterata anche con l’ultimo, vuoto decreto sisma. Si stava faticosamente ingranando la marcia grazie ad un tecnico marchigiano e ci rifilano un politico abruzzese di lungo corso che dice di voler fare l’ennesima campagna d’ascolto e si impegnerà per rilanciare anche economicamente il territorio. Come, visto che il governo che l’ha nominato ha rifiutato nel Milleproroghe anche un emendamento di pochi spiccioli come il rinvio di notifica delle cartelle esattoriali alle imprese”?.

Lo dichiara Franco Ceregioli, per dieci anni sindaco di Sarnano dove ora è vice, dando voce all’esasperazione di tanti amministratori per il balletto politico che si è consumato ai danni dei terremotati marchigiani.

Purtroppo per noi terremotati, stanno facendo tutto in funzione elettorale come dimostra l’apertura di Crimi ad un’alleanza nelle Marche. È lo stesso Crimi sottosegretario al sisma che dichiarava un anno fa, proprio in questi giorni, che ‘sono state le regioni con la complicità dei commissari PD che si sono succeduti ad aver compiuto le scelte che ora criticano provocando ritardi e disastri’ (fonte Cronache Maceratesi del 21 febbraio 2019, ndr) – continua Ceregioli – A pensar male si fa peccato, ma che fine farà quel poco che resta da spartire con la revisione dei piani delle opere pubbliche che sono stati sollecitati soprattutto dalle Marche? Quali sindaci amici ne beneficeranno per sostenere la corsa elettorale di un PD alle prese con le faide interne?”

Per Ceregioli, protagonista della ricostruzione dalla prima ora come sindaco di Sarnano, la strada è quella già tracciata dall’ex commissario Paola De Micheli: passerelle, prebende e al diavolo la ricostruzione.

Sarnano ha scuole nuove grazie a privati come la Fondazione Bocelli e avrà, a breve, quella donata dall’Ania la cui costruzione è stata sbloccata grazie all’impegno e alla linearità del marchigiano Farabollini che ha saputo assumersi grandi responsabilitàanche non sue – continua Ceregioli – Basta guardare l’ordine di non interrompere la raccolta delle macerie nonostante la “svista” del governo sulla mancata proroga dei siti o la battaglia per le scuole di San Ginesio dove la commissario PD Paola de Micheli aveva posto la prima pietra nonostante fosse noto a tutti un vincolo della Soprintendenza che ne impedisce la ricostruzione”.

I terremotati per Ceregioli sono coscienti del bluff delPD finalizzato a riguadagnare terreno nelle prossime elezioni regionali.

Quando Legnini incontrerà i sindaci gli chiederemo se e quando gli daranno i poteri per fare quello che dice. Senza norme realmente nuove ed operatività dallo stallo non si esce. O pensa che i professionisti, assumendosi una enorme responsabilità con l’autocertificazione, lo toglieranno dall’impaccio? Spero con tutto il cuore, per la mia gente terremotata, di sbagliarmi, ma con la complicità ingiustificabile di tutti i parlamentari marchigiani di PD e Cinquestelle, hanno solo voluto dare un posto ad un esponente di spicco del PD abruzzese rimasto senza vetrina dopo aver perso le elezioni regionali. La prova: parla da ministro anziché da semplice commissario alla ricostruzione”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*