Marche

Professor Ceriscioli basta lezioncine, ai marchigiani servono risposte come quelle che dà la Lega

Lega fiera di aver dato ai sindaci terremotati l’unica opportunità di essere al centro della ricostruzione mettendo in campo con il decreto sblocca-cantieri anche le 200 unità di personale aggiuntivo che sono state assegnate ieri.

Il professor Ceriscioli non può dare lezioni alla Lega perché i suoi argomenti stanno a zero. Gli interessi di bottega ce li hanno lui e il suo PD che mercanteggiano persino per i posti in piedi. In Lega siamo fieri di aver dato ai sindaci terremotati l’unica opportunità di essere al centro della ricostruzione mettendo in campo con il decreto sblocca-cantieri anche 200 unità di personale aggiuntivo che sono state assegnate ieri. Una prima significativa parte di quanto a lungo richiesto e mai concesso dai governi PD”.

Così il senatore Paolo Arrigoni, responsabile Lega Marche, respinge al mittente la stucchevole uscita via social e media del presidente della Regione che lo accusa di interessi di bottega per le ultime critiche ricevute.

Se lo metta bene in mente il prossimo ex presidente dei marchigiani Ceriscioli: la Lega non tacerà mai perché non guarda alla vuota forma, ma ai cittadini in nome e per conto dei quali denuncia l’ operato della giunta marchigiana su terremoto e altro – conclude Arrigoni – La pessima gestione delle SAE, delle macerie, delle pratiche fa il paio conquell’immane disastro che è la sanità delle Marche. Il professor Ceriscioli ce lo dica una volta per tutte visto che non ha commemorazioni dietro cui nascondersi: perché non ha mai assegnato la delega sulla sanità? Voleva forse assicurarsi personalmente che andasse in porto la privatizzazione sulla pelle dei cittadini marchigiani?”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*